Elsa Evangelista curriculum vitae

img2

Elsa Evangelista è Direttore dal 2011 del Conservatorio di musica San Pietro a Majella di Napoli, nasce a Napoli, studia Composizione, Musica Corale e Direzione di Coro con i Maestri Carmine Pagliuca e Aladino Di Martino, Organo e Composizione organistica con Gennaro D’Onofrio al Conservatorio di Musica “S. Pietro a Majella” di Napoli, dove ricopre la carica di  Direttore dal 1 novembre 2011.

Durante il suo mandato di Direttore del Conservatorio San Pietro a Maiella, in continuità con la tradizione concertistica avviata da Cilea e Lualdi, nel conservatorio napoletano si susseguono importanti esecuzioni che vedono la presenza di figure di grande rilievo quali Riccardo Muti, Roberto De Simone, Gean Guillou, Alfred Brendel, Patrick Barbier, Quirino Principe, Glenn Watkin. Porta a termine la sistemazione dell’antico Foyer della Sala Scarlatti dove attualmente è sede di importanti mostre dedicate ai musicisti di scuola napoletana.

Ha fortemente voluto l’istituzione del Premio “S.Pietro a Majella”, che ha consentito incontri  importanti con i grandi della musica come Aldo Ciccolini e Riccardo Muti, tradotti in emozionanti lezioni  per gli studenti. Tra gli appuntamenti più importanti realizzati nel suo mandato, grande successo hanno avuto la mostra “Lettere di protagonisti in mostra”, la mostra  “Gesualdo nella Biblioteca del Conservatorio San Pietro a Majella” e la mostra “Verdi e Napoli”, nonché l’allestimento delle opere Dialoghi delle Carmelitane, Mas’Aniello, L’Uccellatrice, Li Zite ‘n galera, in prima esecuzione moderna, la parodia Aida di Scafati, lo spettacolo “Paisiello alle Corti d’Europa” e “Paisiello Immaginario” Ha  creato, per numerosi eventi musicali,  collegamenti con il Teatro S. Carlo, con il Teatro Bellini, con il Teatro Mozart di Saragozza, con l’Accademia di Belle Arti, con l’Università, con gli Istituti culturali, con le varie associazioni del territorio, con i Conservatori italiani e stranieri, Ha ospitato il grande meeting delle relazioni internazionali realizzato presso il Conservatorio di Napoli che è stato sede nel novembre del 2011 di un Congresso dell’AEC, al quale hanno partecipato oltre duecento direttori di tutti i Conservatori europei e ha favorito l’iscrizione del Conservatorio  all’Associazione Europea dei Conservatori, delle Università e delle Accademie di Musica. Ha favorito ed incoraggiato la nascita del Coro di Voci Bianche, ha valorizzato l’attività dell’Orchestra del Conservatorio. Quest’ultima, tra le altre, è stata diretta da Riccardo Muti nella sua “Prova d’Orchestra” in occasione della consegna al Maestro della Laurea Honoris Causa .

Ha voluto che si incrementasse il percorso ERASMUS, potenziato nel suo mandato. Ha sostenuto la nascita delle Edizioni “San Pietro a Maiella”, realizzate nel 2014. Ha voluto fortemente che nel Conservatorio si proponesse lo studio e la messa in scena di opere settecentesche realizzate per i teatri, quali il San Carlo, il Teatro dei Fiorentini, il Nuovo e numerosi altri, ha fatto in modo che si realizzassero interventi strutturali importanti nella Biblioteca del Conservatorio che, ha un patrimonio incommensurabile di quadri, cimeli, autografi, manoscritti, nonché il restauro del soffitto della sala antistante la sala Rossini.

Ha fortemente voluto la valorizzazione degli spazi del conservatorio, con il recupero di una grande ala confinante con la sala Scarlatti, dove ha voluto l’apertura al pubblico della sala dedicata al grande direttore d’orchestra Riccardo Muti, inaugurata dallo stesso Musicista il 1 marzo del 2014. Tale sala, divenuta sala espositiva di mostre, ha visto la realizzazione delle mostre: “Verdi e Napoli”, “Saverio Mattei, Niccolò Jommelli e la costruzione della scuola musicale napoletana”  e “Il Genio di Paisiello alle Corti d’Europa”.

Oggi è impegnata in un ambizioso programma di tutela e di valorizzazione delle opere custodite presso il Museo Storico-Musicale, museo voluto e inaugurato da Francesco Ciléa nel 1925, che racconta attraverso i suoi percorsi espositivi più di quattro secoli di storia della musica e dell’arte a Napoli. Durante i lavori per questo progetto, ha riportato alla luce un importante strumento dell’ottocento napoletano: il “Pianoforte a cristalli” che si riteneva perduto.

Per quanto riguarda l’attività didattica, nel 2012 ha istituito il primo master di Musica antica, il Master in Management delle Imprese culturali e il Master in Beni Musicali.

In occasione del 200° anniversario della nascita di Giuseppe Verdi, in collaborazione con la CSO, ha organizzato la diretta streaming da Chicago da dove Riccardo Muti dirigeva il Requiem del grande Compositore di Busseto, facendo partecipe la città di Napoli di questo importante anniversario, dando ancora una volta prova della sua volontà di intensificare i rapporti del San Pietro a Maiella con le eccellenze musicali nel mondo.

Le collaborazioni con le maggiori istituzioni culturali cittadine e soprattutto il rapporto diretto con personalità del panorama mondiale, hanno ampliato le sue capacità organizzative e di relazioni, consentendo una esperienza di alto profilo, con il fine supremo del riscatto dell’immagine di Napoli nel mondo e la crescita culturale della società napoletana, soprattutto dei più giovani.

Nel 2016 ha ricevuto dal Capo dello Stato Sergio Mattarella la Medaglia quale Premio di Rappresentanza per le Manifestazioni celebrative nel bicentenario della morte di Giovanni Paisiello.

Interessata in particolare alla polifonia vocale ed alla etnomusicologia, tra le sue composizioni sono da annoverare “Hay almas que tienen” e “La guitarra” su testi di Garcia Lorca, “Apollo II-21 luglio 1969”, oltre ad una vasta produzione sinfonico – corale e da camera.

Dal 1992 è Direttore stabile dell’Orchestra e Coro “La Nuova Polifonia” da lei fondati e, dal 1994, Direttore Artistico del S. Chiara Festival <La musica vocale e strumentale dal ‘500 al ‘900> . Nello stesso tempo cura ed incide per la Florentia Musicae la revisione del Miserere n° 2 di G. B. Pergolesi. Il suo tenace lavoro sui manoscritti del Settecento Napoletano( “Elsa Maestro di restauro”, come di lei hanno scritto i critici specializzati) le fa riportare, inoltre, alla luce la “Messa” in re minore per soli , coro e orchestra, il Duetto “Juravit” per due tenori e orchestra di Saverio Mercadante, in occasione del bicentenario della nascita del compositore  eseguiti  in prima esecuzione assoluta al Teatro Mercadante di Napoli. Ha inoltre partecipato e diretto per importanti società concertistiche tra le quali: “Ravello 94”, “Festival Barocco di Viterbo”, “Ville Vesuviane Festival”, “ I Venerdì Musicali” del Conservatorio di Musica “S. Pietro a Majella” di Napoli, Rossini Opera Festival di Wildbad, Festival barocco di Montecarlo, ha partecipato alle “Celebrazioni per il 250° anniversario della morte del Solimena”, e, unitamente al suo Coro, nell’ottobre del 2001 ha partecipato, nell’ambito dell’Autunno Musicale del Teatro di S. Carlo, all’azione sacra “Vita di Padre Raimo” ( prima esecuzione moderna)con i Mottetti a Quattro Cori per le Quarantore di Erasmo De Bartolo. Su invito del Maestro Roberto De Simone, cura la revisione del Mottetto “Tantum Ergo” in Fa maggiore di Gaetano Donizetti  aprendo , con un concerto in collaborazione  con il Conservatorio di Napoli e il Teatro “S. Carlo”, le celebrazioni per il bicentenario  della nascita del Musicista. Nel 1997 è invitata con il suo Ensemble dalla Filarmonica  di Colonia a rappresentare lo spettacolo ispirato alle tradizioni del Natale  Napoletano del M° Roberto De Simone, in un concerto in collaborazione con il Conservatorio di Musica San Pietro a Majella di Napoli.

Nel 2003 inizia l’operazione di recupero della partitura del Miserere di Pasquale Cafaro, ,il cui manoscritto si trova conservato presso la biblioteca del Conservatorio “S. Pietro a Majella” di Napoli.

Ha partecipato con il Coro del “S.Pietro a Majella” al Rossini Opera Festival di Wildbad, nelle edizioni del 2006 e 2007, eseguendo Musica Sacra del ‘700 napoletano e le opere Mosè in Egitto, Gazzetta di G. Rossini , i Due Figaro di Carafa e il Don Chisciotte di Mercadante, queste ultime in prima esecuzione.

Ha inciso per la Florentia Musicae il “Miserere” n°2 di G.B. Pergolesi e per la Naxsos il “Mosè in Egitto” di G. Rossini, sempre per la Naxsos, Don Chisciotte di Mercadante. Ha collaborato con i direttori d’orchestra : Marcello Panni, Antonino Fogliani, Christopher Franklin, Brad Cohen e con i registi Stefano Vizioli, Thaddeus Strassberger, Jochen Schonleber.

Numerose le sue partecipazioni a trasmissioni radiofoniche, tra cui quelle per RAI INTERNATIONAL.

Ha ricevuto riconoscimenti e onorificenze da: Comune di Napoli, Rotary International- Marina Militare U.S.A. Ha ricevuto il premio internazionale “Giovanni Paolo II” e il premio “Masaniello”, Napoletani protagonisti. Il suo nome compare nella “Enciclopedia Italiana dei Compositori Contemporanei” e in: Europäischer Dirigentinnen Reader. E’ stata eletta nel primo Consiglio Accademico del Conservatorio di Musica di Napoli voluto dalla Riforma dei Conservatori. Dal 2005 al 2008, nello stesso Istituto, ha ricoperto la carica di vicedirettore dal 2007 al 2009 ed è stata coordinatrice dei nascenti  corsi di Alta Formazione di I e di II livello, prima di essere nominata Direttore del San Pietro a Majella. Nel 1990 è stata nominata Presidente coordinatore delle Commissioni per il concorso nazionale  a cattedra per titoli ed esami.

Annunci